GIULIA GRASSI

SCRITTRICE

Sono fatto di carne, proprio come te. E noi samurai siamo fiori di ciliegio, destinati a sbocciare, tingere il mondo con il nostro profumo e a sfiorire l’attimo successivo.”

L’ARTISTA SI PRESENTA

“Sono nata nell’ormai lontano 1994, in un paesino incastrato tra il mare livornese e le colline pisane, e fin dall’infanzia sognavo storie di principesse che cavalcano draghi e sconfiggevano oscuri signori. Il mio amore per la scrittura non è venuto meno neanche quando ho conosciuto l’altro mio grande amore: quello per la biologia. Mi definisco scribacchina, ma forse il termine “tizia strana con idee folli” mi calzerebbe più a pennello. Odio i cliché e le categorie, e sono un’attivista per i diritti degli orchi e delle guardie cittadine; di contro adoro il folklore, i miti e le religioni. Il mio cavallo di battaglia è il fantasy in tutte le sue forme ed è anche ciò che amo leggere e rileggere ascoltando l’ululato del vento. Dell’epoca in cui ero una giocatrice compulsiva di D&D mi è rimasta la voglia di unirmi a una compagnia di guerrieri per andare a cacciare mostri e sconfiggere oscuri signori, ma per ora mi accontento di trascrivere questi sogni su carta, apparentemente con buoni risultati.”

SEGUI SUI SOCIAL

CURRICULUM

ESPERIENZE LAVORATIVE:

2014
Partecipa al concorso “Bardi&Menestrelli” con il racconto “Confini”, che riceve una menzione e la pubblicazione in antologia edita da Lieto Colle.

2017
Pubblica “La regina dei corvi”, romanzo epic fantasy autoconclusivo, con la casa editrice bookabook.

2018
Pubblica il racconto oriental fantasy “Zasetsukan–Fallimento” nell’antologia Racconti Fantasy edita da Historica Edizioni.

2020
Pubblica il racconto storico “Le lacrime del drago” nell’antologia Cinquantatrè vedute del Giappone edita da Idrovolante Edizioni.

TESTI